Home | Storia | Chiesa | Archivio Storico |  Attività Sociali | Cariche Sociali | Foto | Video | Rassegna Stampa | Contatti

"Raffaello, Roma e l'ideale del Rinascimento"

 

Dopo la forzata interruzione che ha investito, a causa della pandemia che ci ha colpito, i Programmi culturali del “Nobil Collegio degli Orafi Romani”, ci accingiamo a ritrovare le energie necessarie per preparare una loro graduale ripresa. A fianco dei giganteschi condizionamenti imposti per far fronte al dilagare del Virus, Il Nostro Storico Sodalizio ha sofferto, nel trascorrere dell'ultimo anno, la scomparsa di alcune delle personalità più significative e più amate tra i propri iscritti.

Nei loro confronti va il nostro deferente ricordo e la nostra volontà di poterli onorare istituendo eventi a loro intitolati, che manifestino la nostra gratitudine ed il rispetto per quanto da loro espresso nei confronti dell'Arte Orafa Romana e degli Studi ad essa collegati. Riprenderà, a partire dal prossimo autunno, per concludersi nel prossimo anno, il Premio “GioielloinArte” espressamente dedicato alle manifestazioni in Onore di Raffaello da Urbino.

Verranno indicati, a partire dal mese di Settembre, il calendario e le nuove scadenze riguardo a questo Concorso. La preziosa eredità, lasciata in perenne ricordo, dallo Studio sui “ Maestri Argentieri Gemmari e Orafi di Roma e degli Stati della Chiesa” da Anna Bulgari Calissoni, in continuazione e a completamento dello studio iniziato dal padre Costantino Bulgari, ha allo studio, da parte del “Nobil Collegio” di un Convegno, a cui seguiranno una pubblicazione in suo onore, e la preparazione adeguata di una Mostra su questo tema, che riunirà i maggiori studiosi di Storia dell'Argenteria. Una Borsa di Studio verrà intitolata in Onore e Ricordo del Nostro indimenticabile “Camerlengo Corrado Di Giacomo, a supporto di giovani che approfondiranno con i loro studi e con la loro esperienza di lavoro la Nobile Arte dell'Artigianato Orafo Romano. Sono allo studio e vedranno la loro realizzazione, Corsi di Storia, Design e Approfondimento delle Tecniche della Tradizione del Sapere Orafo-Argentiero tenute dai Maestri Storici della nostra Arte, confrontandole ed affiancandole con le esperienze Tecniche Contemporanee.

E' nel confronto tra la Nobile e Insostituibile tradizione degli Orafi- Argentieri testimoni della tradizione della Manualità Colta e Raffinata, con la visione della Tecnica Contemporanea che si elaborano i principi ed il fondamento per le prospettive future della Nostra Arte di cui il “Nobil Collegio”rappresenta lo snodo formativo fondamentale. Auguro a tutti gli appassionati, cultori di questo settore delle Arti Decorative, di potersi iscrivere ed essere partecipi delle nostre prossime attività, uniti nel rispetto dell'unicità Artistica del Mondo Orafo Romano, nella Tradizione Storica e nella Contemporaneità.

Il Console Camerlengo
Aldo Vitali

 

A seguito delle disposizioni che hanno coinvolto l'intera Nazione Italiana nella lotta al Coronavirus, ci troviamo nell'impossibilità di rispettare le scadenze relative allo svolgimento del Concorso

"gioielloinarte"

indetto dall'“Università e Nobil Collegio degli Orafi Argentieri dell'Alma città di Roma” dedicato quest'anno alla figura e all'opera di Raffaello da Urbino.

Non appena la situazione permetterà di riavviare le attività culturali e didattiche previste nei programmi del Nobil Collegio, avvertiremo coloro che intendevano partecipare al Concorso, delle nuove date relative alla domanda di partecipazione ed i successivi adempimenti al riguardo.

Nulla cambia per coloro che hanno già presentato la domanda di iscrizione, che troveranno soltanto i cambiamenti apportati allo sviluppo del Concorso stesso e le nuove date relative.

Nella speranza che tutto possa tornare al più presto alle condizioni di normalità, Auguriamo a tutti una buona ripresa del lavoro

Il Console Camerlengo Aldo vitali

 

Bando di Partecipazione

"gioielloinarte"

Premio Internazionale di arte orafa in occasione del cinquecentenario della scomparsa di Raffaello da Urbino L’Università e Nobil Collegio degli Orefici Gioiellieri Argentieri dell’Alma Città di Roma promuove il concorso

"Raffaello"

Il Rinnovamento nel linguaggio Orafo Contemporaneo

Il concorso vuole valorizzare, promuovere e diffondere la cultura dell’arte orafa, dimostrare la valenza di un lavoro che, pur basandosi su un’alta tecnica esecutiva, contenga ricerca, innovazione e contemporaneità. Rendere dialettico il rapporto materia-tecnica-creatività per arrivare a unire il fare con il pensare e imprimere al lavoro quell’impronta unica che nasce dal valore di chi sa guardare il mondo con gli occhi della fantasia e della poesia. Il Concorso è anche l’occasione per promuovere Manifestazioni Culturali, Dibattiti, Momenti d’informazione sulla contemporaneità, sulle tecniche orafe, sulla storia dell’arte dei metalli preziosi; letture e dibattiti con artisti per un’analisi sui vari aspetti dell’essere orafo, si svolgeranno, presso la sede del Nobil Collegio, da marzo 2020.

[ ISCRIVITI ] [ SCARICA IL BANDO - ITA ]
[ SIGN UP ] [ DOWNLOAD - ENG ]
 

Premio Armando De Simoni e Gilberto Lefevre

La sera del 19 Novembre ha avuto luogo, nella suggestiva cornice della Chiesa di Sant'Eligio degli Orefici, mirabile opera di Raffaello, e Sede dal 1509 del “Nobil Collegio degli Orafi-Argentieri dell'Alma città di Roma” la consegna dei Premi ai Partecipanti alla edizione del 2019 del Concorso per i Giovani Orafi intitolato ad “Armando De Simoni e Gilberto Lefevre”.

Con il presente Premio l'”Univesità e Nobil Collegio degli Orafi-Argentieri dell'Alma città di Roma” nella sua funzione di moderna emanazione della storica Corporazione degli Orafi Argentieri Romani, adempie alla sua diffusione e divulgazione della Cultura Orafa nel contesto contemporaneo. Anche nella presente edizione, che si è avvalsa nella Commissione giudicatrice, della profonda conoscenza della Cultura e del fare Arte di un qualificato numero dei propri Soci, ha visto la partecipazione di un elevato gruppo di giovani, tutti provenienti da Scuole di Formazione e Laboratori del settore orafo.

I risultati, che gli elaborati presentati hanno mostrato di possedere, onorano per il livello professionale di preparazione teorica, di pratica artigianale e di progettazione, delle nuove generazioni che si apprestano a configurare lo sviluppo contemporaneo della nostra mirabile Cultura Orafa. Dal 20 al 27 di Novembre, le opere presentate in concorso, saranno visibili nell'esposizione allestita all'interno della nostra sede.

Il Console Camerlengo
Aldo Vitali

   
   
   
   
 

Elezione del Console Camerlengo del Nobil Collegio degli Orafi-Argentieri Romani

Il giorno 3 di Luglio, “L'Università e Nobil Collegio degli Orafi Argentieri dell'Alma città di Roma”, sodalizio che unisce i rappresentanti storici della cultura orafa romana, erede della Corporazione degli Orafi-Argentieri Romani sorta all'inizio del XVI secolo, ha voluto onorare la memoria del suo ConsoleCamerlengo Corrado Di Giacomo, prematuramente scomparso.

Nell'occasione l'assemblea dei Soci si è riunita per nominare il nuovo Console Camerlengo, incaricato della conduzione del Consiglio di Presidenza, e del nuovo membro del Consiglio stesso.

Sono stati eletti, con il consenso unanime dell'Assemblea, il Prof. Aldo Vitali, erede della prestigiosa famiglia di Orafi-Argentieri, in qualità di nuovo Console Camerlengo, e Monica Erzel
nel ruolo di nuovo componente del Consiglio di Presidenza.

L'Assemblea dei Soci ha così espresso il Cordoglio unanime per la scomparsa del Camerlengo Corrado Di Giacomo formulando  l'augurio per un proficuo lavoro ai due nuovi eletti.

 
“In Onore del Nostro Collega ed Amico Corrado Di Giacomo ”

Compito arduo, e toccante la parte più intima dei nostri sentimenti, tentare di narrare il legame che ci univa e mi univa ad un amico prematuramente scomparso. Corrado l'ho conosciuto, apprezzando il suo spontaneo modo di comunicare i propri sentimenti, quando da giovani ci siamo trovati a frequentare l'ambiente più nobile del Mondo Orafo romano.

Il punto di congiunzione, tra le esperienze, maturate nei nostri storici laboratori di famiglia, ha avuto la sua catarsi formativa all'interno di questo ambiente così austero nella sua familiarità. Sono stati gli anni che, grazie alla lungimirante visione di pochi valorosi rappresentanti dell'ambiente orafo romano, la Corporazione degli Orafi-Argentieri Romani sul finire degli anni '50 riprese un percorso di rinnovamento. Grazie a loro una nuova ed entusiasta generazione di giovani aveva l'opportunità di approfondire il carattere classico del mondo del Gioiello e dell'Argenteria nella sua accezione storica e di rinnovamento.

Formati nella tradizione culturale e nella manualità colta e consapevole, ci era permesso di assaporare l'essenza, oserei dire spirituale, di ripercorrere la tradizione più vera che circondava il nostro mestiere. Le figure storiche di Costantino Bulgari, che ripercorrendo lo sterminato materiale di archivio ancora fortunatamente presente all'interno di questo luogo sacro a tutti noi, aveva portato a conoscenza del vasto pubblico di studiosi di Storia dell'Arte l'affascinante mondo che si era sviluppato all'interno della Corporazione Romana nei secoli più rappresentativi a cominciare dal periodo pre-Rinascimentale. Alle famiglie orafe di importanti custodi della gioielleria romana, Mario Menichini, Armando De Simoni, e quel maestro di vita e di cultura per tutti noi dell'ultima generazione rappresentato dalla paterna figura di Edelmiro Vespasiani si deve la creazione di un gruppo di giovani appassionati.

In questo ambiente ed in questi luoghi straordinari, assieme a Corrado ed Ettore ci siamo ritrovati uniti nella missione, ancora viva e presente in tutti noi, di rendere onore e gloria, tramite queste fondamentali presenze nella nostra formazione, alla valorizzazione del nostro passato affiancata alla nostra crescita professionale collocata nel contemporaneo. I nostri grandi predecessori, anche quelli nel tempo più vicini a noi, ci hanno forgiato nella conoscenza e nel rispetto della sacralità dei nostri laboratori e delle nostre botteghe vere Fucine d'Arte e Maestre di Vita.

La manualità colta che si respirava in questi luoghi ci ha unito indissolubilmente all'ambiente del Nobil Collegio nel rispetto e nello studio del nostro passato e nella volontà di formazione di nuovi giovani nell'apprendimento di quest'Arte.

La formazione e la personalità di Corrado consapevole della sintesi dei valori umani e professionali di questa missione, corredata da quella sua gioiosa filosofia tutta romana, gli ha permesso di emergere professionalmente e culturalmente a fianco dei nostri grandi vecchi. I temi della nostra vita, resi oggi ancora più drammaticamente sconfortanti di fronte alla sua improvvisa scomparsa, ci aiutano a ricordarlo e riconoscere in lui, oltre che il caro compagno di momenti vissuti in spensierata allegria, il professionista che ha meritoriamente seguito il nostro orgoglio di romani, cresciuti in questo inesauribile crogiolo di esperienze artistiche di un mondo, quello orafo, ancora capace di attrarci e di farci innamorare.

La nostra promessa, caro Corrado, è che il tuo impegno diventi sempre più costruttivo, ad opera di nuove generazioni, educate al saggio sacrificio dell'apprendere un mestiere ineguagliabile.

Riposa in Pace assieme ai nostri grandi predecessori
il tuo amico Aldo unito al dolore del Nobil Collegio di Sant'Eligio

 
“Gregorovius, nella sua Storia di Roma nel Medioevo, così scrive: "Da lungo tempo esisteva a Roma la corporazione degli orefici, dapprima associati ai sellai e ai fabbri; separatisi da costoro nel 1509 si costruirono, col beneplacito di Giulio II, la chiesa di S.Eligio in Via Giulia, il cui progetto è di Raffaello". L’onore, la storia, la cultura del "Nobil Collegio degli orafi ed argentieri di Roma" è chiaramente espressa dal Gregorovius, in poche righe, a testimonianza di quanto potere e professionalità godevano gli orafi romani. Professionalità, cultura e, soprattutto, amore per il proprio lavoro sono proprietà rimaste vive nel tempo tra i membri del Nobil Collegio, contribuendo a mantenere vivo e attuale lo spirito e le finalità della Congregazione. ”
 
Triennio 2019– 2021 - Consiglio Direttivo

Nell’Assemblea elettiva svoltasi il 31 maggio 2018 le votazioni per il rinnovo delle cariche sociali hanno portato alla costituzione del nuovo organigramma per il triennio 2018-2021 che sarà così composto:

Consiglio Direttivo
Console Camerlengo Aldo Vitali
   
Primo Console Piero De Stefano
Console Segretario Monica Erzel
Console Conservatore Archivio Storico Riccardo Alfonsi
Console Tesoriere Riccardo Menichini

Collegio dei Sindaci

Sindaco Valerio Sperati
Sindaco Massimo Lefevre
Sindaco Guido Mancini

Collegio dei Probiviri

Proboviro Alberto De Stefano
Proboviro Ettore Menichini
Proboviro Giorgio Von Moss
 
 
Intervista al Camerlengo Corrado di Giacomo dal portale ENERGITISMO
 
 
Associazioni Partner
Associazione Italiana
dell'Arte della Medaglia
Osservatorio per le
Arti Decorative in Italia
"Maria Accascina"
  Fondazione Italiana
VERSO IL FUTURO
 
Università degli Orefici Via S. Eligio, 7 - 00186 - Roma - Tel. 06-6868260- Fax 06-6868260 - E-mail: info@universitadegliorefici.it
Copyright © 2011 all right reserved - Design e comunicazione Altra|via Privacy Policy

Regolamento Europeo 679/2016 sulla Protezione dei Dati Personali
Ci teniamo ai Vostri dati e desideravamo informarVi che stiamo aggiornando la nostra mailing list in linea con le nuove norme europee sulla protezione dei dati (Regolamento UE 2016/679, meglio noto come GDPR), entrate in vigore il 25 maggio 2018. A breve sul nostro sito troverete tutti i dettagli sulle informazioni che raccogliamo, i motivi per cui trattiamo i vostri dati personali e i riferimenti del Data Protection Officer (DPO) a cui potrete rivolgervi per qualsiasi evenienza. Vi avvisiamo peraltro sin da ora che i Vostri dati personali saranno utilizzati esclusivamente per l'invio di comunicazioni relative alle nostre attività associative, istituzionali e la comunicazione di eventi e di iniziative ad essi collegate.